lunedì 3 ottobre 2011

Avrei voluto..


Avrei voluto disegnare
quel cielo stellato,
con stelle così grandi e vicine,
raccoglierne una, forse
la più brillante,
e regalarla al tuo  cuore
onesto e puro.


............................................................
Ho finito di leggere un libro interessante,  che mi ha lasciato un desiderio di vita e la speranza di sognare ancora. Il libro è ' La ragazza delle arance' di Jostein Gaarder.

Questo brano mi hanno particolarmente colpita:

"Perché, chi siamo noi che viviamo qui?
Ogni singola persona in questa piazza era come un tesoro vivente,
una cassa del tesoro piena di pensieri e di ricordi, sogni e nostalgie e io,
da parte mia, ero nel bel mezzo della mia vita sulla terra, ma questo riguardava
naturalmente anche le altre persone che si trovavano nella piazza."


 

9 commenti:

  1. E' molto bella Lui, dolce e con un pochino di rimpianto...

    RispondiElimina
  2. È veramente bella, poche ma semplici parole penetranti nel cuore.
    Buona serata cara Luigina.
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. poche parole dolci e malinconiche,fa riflettere il passo del libro che ci hai proposto,un abbraccio Lui

    RispondiElimina
  4. Ciao Luigina,bella poesia,interessante il libro.
    Buona serata.
    Un bacio cara.

    RispondiElimina
  5. Lui...le tue parole toccano sempre il cuore! Un saluto affettuoso

    RispondiElimina
  6. CARA LUIGINA .
    Bellissima la poesia . Riguardo al libro non leggo più spesso come una volta ,Ma quando mi è capitato di leggere qualche libro di Gaarder ,mi lascia sempre una forte emozione .Il libro "La ragazza delle arance" trovo che sia veramente bello e scorrevole,un pò misterioso e a tratti anche struggente. Non credo che sua il miglior libro di Gaarder.Ma a parte lo stile e tutto il resto quello che mi piace di lui è semmai la capacità che ha di farci rendere conto di alcune cose, cose che noi esseri umani abbiamo sotto il naso ma di cui non ci rendiamo bene conto che diamo tutto per "normali"sono sicura che chiunque legge i suoi libri ... anzi ne basta uno solo e capirà.
    CIAO LINA

    RispondiElimina
  7. E pensare che chi fa quello che faccio io di cieli stellati ne disegna tantissimi eppure raramente ci si sofferma a pensare a quanta meraviglia possano far scaturire al solo pensarli.

    Bellissime parole :)

    RispondiElimina
  8. Che poesia tenera con una leggera malinconia che le fa da sfondo.
    Belle anche le parole del libro, che mi sa andrò a comperare perchè penso mi piacerà.
    Buon fine settimana
    Bruna

    RispondiElimina