lunedì 13 settembre 2010

12 settembre 2010 brano





La Bimba che si è persa

La bimba Marina si è persa. Un istante prima era ancora lì; si guardava serena e fiduciosa; gli occhi le brillavano mentre ascoltava le chiacchiere dei grandi, quei lunghi discorsi che parlavano sempre di lei, di quanto era bella e buona e mangiava tutta la minestra. Poi successe qualcosa, nessuno ha mai saputo cosa.

Forse i pianeti si allinearono davanti al Sole e sulla sua fronte cadde un ombra fredda e buia; forse la voce di uno dei grandi si spezzò e ne uscì una nota falsa, sforzata, insincera; forse gli occhi della bimba incontrarono altri occhi che si ritrassero imbarazzati.

Lei comunque SCOMPARVE.

Al suo posto ora c’è un'altra che le somiglia, ma si tratta di una copia, che può ingannare solo chi non la conosceva: gli occhi non le brillano, non mostrano alcuna fiducia.

Quest’altra Marina sa guardare tutti senza imbarazzo, sa preparare loro la merenda, sa vivere all’ombra e al freddo; ma è come se aspettasse sempre la sera, come se niente la riguardasse, come se ci fossero solo delle cose da fare, delle cose che vanno fatte e nessun altro le farebbe e occorre sbrigarsi a farle, per poter finalmente andare a dormire.

Da allora, in molti hanno avuto l’impressione di vedere ancora la bimba Marina.

Ci sono giornate in cui l’aria è tiepida e profumata; dimentica la sua paura e racconta una storia dolce per il puro piacere di farlo; ci sono suoni melodiosi che emergono dai solchi di un disco, parole piene di sentimento che si formano su una pagina; e molti hanno detto che quando capita una di queste fortunate circostanze, per un attimo, la bimba Marina torna al suo posto e gli occhi le brillano ancora e vuole essere ancora lei a mangiare la merenda, vuole anzi che qualcuno gliela prepari, che le imburri il pane e glielo porga, con un gesto gentile.

Ma si tratta di un attimo, appunto; basta un lieve tremito nella mano che si tende verso di lei, un impercettibile esitazione della voce di chi racconta la storia, uno zefiro appena pronunciato, un piccolo barlume d’inverno, e la bimba scompare.

Là dove s’è persa non c’è niente e nessuno, ma anche niente e nessuno che faccia male…

ERMANNO BENCIVENGA (La filosofia in 42 favole.)
Oscar mondadori

1 commento: