venerdì 27 agosto 2010

Al Simeto di Alessandro Montalto


Partorisci le tue acque, di quarzo aureo,
da massicci verdeggianti
e perisci in un delta sconsacrato.
Nei tuoi meandri serpeggianti,
si rifocillano le sinuosità di veneri d'ossidiana.
Nelle tue isole e oasi, i giunchi
strusciano sul ventre degli aironi.
Strazi il palmo rivoltoso del mezzadro
ingoiando i suoi agri eden,
con un manipolo di atleti e condottieri
mantellati di fanghiglia, limo e poltiglia.
Serbi memoria di bestie abbattute e alberi sradicati
di cui s'assopiscono gli ossuti catorci
e i tralci crocifissi, sui tuoi baratri limosi.
Genti e lignaggi cangianti
t'hanno valicato con ponti lignei,
sulle cui passatoie, carretti e calessi,
stipavano otri, bandiere messaggeri,
e sei servile, sotto quell'incastellatura saracena
mai, finora, da te, inghiottita.


2 commenti:

  1. eccolo qui....il libro di Alessandro. E' contentissimo di questo tuo regalo e penso che ti abbia anche contattata.
    L'ho avvisato tramite mail...ed era felice.ciaooo luigina

    RispondiElimina
  2. Libro del figlio di Carla?
    Complimenti!

    RispondiElimina