domenica 19 luglio 2009

Pessoa Fernando - L'isola

Piangete, violino e viola
piccolo flauto e bel fagotto.
Ecco, un'isola incantgata
specchio di luna sotto la luna!
I miei passi-sogno l'attraversano con un fruscio
intersecato di ombra e luce.
Ah, potesse la mia anima non desiderare che questo
dal suo essere niente altro che un sogno!
Violino, viola e flauto.
Ecco, l'isola è sospesa nell'aria!
In essa vado errando, silenzioso
e indifferente.
E nell'aria dove non c'è aria,
ma la luce della luna.
I suoi sentieri sono noti ad ogni nota
della viola e del fagotto.
Ma è reale quell'isola,
come le nostre chiare isole mortali?
Forse il flauto, la viola e il fagotto
dischiudono una porta
e mostrano in qualche modo, in qualche luogo,
a ciò che guarda fuori di me,
quella rara isola sospesa
in un mare intessuto di luna?
Forse è più vera della nostra.
E queste sono vere? Ma ecco!
Quell'isola che non conosce le ore
né ha bisogno di conoscerle,
e che altrove ha conosciuto
la verità e l'origine della luna,
si dilegua nell'evanescenza del flauto,
del violino e del fagotto.
da Il violinista pazzo di Fernando Pessoa - Passigli Poesia

Nessun commento:

Posta un commento