giovedì 2 aprile 2009

Forse di Antonio Machado



Tutto preso dalla mia chimera
non osservando intorno a me, un giorno
mi sorprese la primavera
che in tutti i campi intorno sorrideva.

Verdi foglie in germoglio
dalle rigonfie gemme delle fronte,
fiori gialli, bianchi e rossi davano
varietà di toni al paesaggio.

E il sole sulle fronde giovanili
era una pioggia di saette d'oro;
nel sonoro scorrere del fiume ampio
i pioppi gentili si specchiavano.

Dopo tanta strada è la prima volta
che ammiro la primavera in fiore,
dissi, e con tono poi declamatorio:

- Quanto è tardi ormai per la mia sorte! -
E, camminando, poi, come chi sente
ali di altra illusione: - E tuttavia
abbraccerò la giovinezza un giorno!

da Poesie di Antonio Machado

Nessun commento:

Posta un commento