mercoledì 18 marzo 2009

Familiarità

 /

Come in un castello, meraviglia del mondo,
tradizionale paesaggio di fiaba,
forse nel tempo di antichi cavalieri,
a raccontar storie di pirati e di misteri,
così t'immagino, antico pensiero.

Il tuo incontro con la realtà
non ti ha cambiato, resta il cuore incantato,
valore sempre vivo, come un ritratto
affrescato sulle pietre della vita.

Le tue parole sembrano scoperte antiche
di un castello sottomarino che fuorisce
solo a tratti, e poi, ritorna nel proprio mondo,
dove la fantasia domina il cuore.

Anche quest'anno, soddisfazione di un momento
sereno, che non porta a nulla,
solo un ricordo in più da portare avanti.

Quali parole avranno accompagnato
questo momento? Quante parole fanno parte
del tuo cuore?

Oggi hanno detto:è il doppio di te.........esagerate...

è proprio il doppio anche nelle piccole soddisfazioni...
vorrei leggere la poesia...una piccola targa che si
unirà a quella dello scorso anno.

Nessun commento:

Posta un commento