martedì 3 febbraio 2009

Il Ramesseum - Storia dell'architettura - La biblioteca di Repubblica e l'Espresso - Electa


http://www.aeswa.org.au/hathortemple.jpg

Il tempio funerario di Ramesse II, noto anche come Ramesseum (in realtà un nome coniato dagli archeologi ottocenteschi) costituisce una pietra miliare nella storia dell'architettura templare egiziana, malgrado i gravi danni subiti già in epoca antica, forse a causa di un evento tellurico. Il complesso si sviluppa su due terrezze ed è circondato da un muro di conta di 180x257 metri, di forma trapezoidale. L'edificio templare misura invece 58x183 metri e mostra in pianta un esemplare paradigma degli elementi canonici dei santuari di quest'epoca. Il complesso prevede la successione prospettica di un primo pilone, una ampia corte a cielo aperto,riz un secondo pilone, una corte colonnata, la sala ipostila, i vestiboli, il santuario della barca e gli annessi. Attraverso un maestoso pilone largo sessantanove metri e oggi parzialmente collassato si accede alla prima corte fortemente caratterizzata dai simboli del grandioso potere di Ramesse, ovvero i rilievi della battaglia di Qadesh incisi sulla facciata interna del pilastro, due colossi assisi, dei quali oggi restano i frammenti di uno solo di essi, e sul lato sud il cosiddetto palazzo culturale, una rappresentazione architettonica della sede dei potere faraonico.
Si accede alla terrazza superiore grazie a una rampa centrale che attraversa il secondo pilone dell'edificio: ci si trova all'interno di una corte decorata, in passato, da due file di colonne sui lati nord e sud e da un portico di statue-pilastro osiriane alte undici metri, sui lati est e ovest. Tre rampe permettono l'accesso all'area del santuario e alla sua sal ipostila riprendono il modello del tempio di Karnak. Attraverso tre sale trasversali colonnate si giunge infine al santuario della barca, punto d'arrivo dell'insieme delle architetture e della decorazione a rilievo che anima le pareti di tutto l'edificio.

da Storia dell'architettura - La biblioteca di Repubblica e l'Espresso - Electa

Nessun commento:

Posta un commento