sabato 10 gennaio 2009

Vincenzo Calafiore

A.Z.: La sera è come una sposa che lascia cadere il suo velo di trame argentee e dorate. E' una serata diversa dalla solite; il cielo tinto dal rosso corallo si riflette sulle nuvole ammucchiate su Messina, sul mare e su tutte le cose, ha l'orizzonte spezzato da lontane lingue di fumo che lente risalgono il cielo. Tra le vie della 'Chianalea', non echeggiano le voci dei bambini, dalle piccole finestre delle cucine gli odori si sovrappongono ai profumi del gelsomino e della zagara, è l'ora in cui la famiglia si ricompone.


Vincenzo Calafiore, Quella strana sensazione d'esistere

Nessun commento:

Posta un commento