martedì 20 gennaio 2009

Le piante del lago di Cesare Pavese


http://www.lucianabartolini.net/Immagini/fiori1/Ipomoea-purpurea-fiore.jpg

Le piante del lago
ti hanno vista un mattino.
I sassi le capre il sudore
sono fuori dei giorni,
come l'acqua del lago.
Il dolore e il tumulto dei giorni
non scalfiscono il lago.
Passeranno i mattini,
passeranno le angosce,
altri sassi e sudore
ti morderanno il sangue
- non sarà così sempre.
Ritroverai qualcosa.
Ritornerà un mattino
che, di là dal tumulto,
sarai sola sul lago.

(metà giugno 1946)

Nessun commento:

Posta un commento