giovedì 15 gennaio 2009

Dimagrire naturale di Pierre Pallardy



Non esiste una dieta valida per tutti

Non tutti ci comportiamo allo stesso modo rispetto all'aumento di peso. Un alimento, preso nelle stesse quantità, farà ingrassare qualcuno, mentre qualcun altro non prenderà un grammo. E' ingiusto, ma è così. Ciascuno digerisce a modo suo. I processi d'assimilazione-eliminazione sono complessi, chiamano in causa più reazioni chimiche, coinvolgono succhi, enzimi, pepsine, ormoni ecc. secreti dallo stomaco, dal fegato, dal pancreas, dall'intestino. La scienza non ha ancora completamente chiarito i misteri della chimica digestiva, ma ha appurato che ognuno reagisce in modo diverso. E' questo il motivo dell'insuccesso della maggior parte delle diete. Ed è per questo che di solito si sbaglia ad accusare questo o quell'alimento o una certa abitudine alimentare.
C'è tuttavia una causa comune a ogni aumento di peso: il nervosismo, l'ansia, lo stress che caratterizzano la vita moderna. La mancanza di rilassamento.
Ve lo dimostrerò.
Il nostro apparato digerente è una macchina meravigliosa, più complessa, più sensibile, più perfetta di qualsiasi computer. Si mette in azione quando un alimento, solido o liquido che sia, viene introdotto in bocca (a dire il vero la digestione comincia prima, perché il nostro cervello prepara la fase iniziale interpretando gli odori, i colori, risvegliando ricordi che sollecitano il desiderio, l'appetito), trasforma i cibi in sostanze assimilabili da parte dell'organismo, indispensabili alla vita.
Questa chimica altamente sofisticata, necessaria alla nostra sopravvivenza, è resa possibile anche dalla presenza degli acidi. Essi svolgono una funzione importantissima nella digestione, sono presenti nei cibi e nei liquidi che ingeriamo e sono prodotti dalla ghiandole coinvolte nelle differenti fasi della digestione: il fegato (con la bile), il pancreas (con l'insulina), le ghiandole dello stomaco e quelle della parete del tubo digerente.

da Dimagrire naturale di Pierre Pallardy - Piemme Pocket

Nessun commento:

Posta un commento