mercoledì 17 dicembre 2008

Rainer Maria Rilke

Senti, Signore,
del nuovo il tremito e il rombo?
Ad esaltarlo
viene l'annunciatore.

Dal suo frastuono
nessun orecchio è salvato,
pure, delle macchine il mondo
ora esser vuole lodato.

Guarda la macchina
come, girando proterva,
noi altera e snerva.

Anche se da noi forza riceve,
senza passione l'uomo
governarla e servirla deve.

Rainer Maria Rilke, XVIII Sonetto

Nessun commento:

Posta un commento