mercoledì 3 dicembre 2008

L’interiorità di un runner di Giovanni Certomà


poesia da www.giovannicertoma.it
immagine effetti vari.....

Al mattino col gelo vedo
spesso due gambe che
in mezzo alla nebbia
si muovono, aumentano
la loro frequenza e
l’alito affannoso si mescola
all’alba che nasce
come la sfrenata voglia
di ripetere quel ”gesto”
che si scatena dall’intimo.

18/2/2008

di Giovanni Certomà

Nessun commento:

Posta un commento