domenica 14 dicembre 2008

I piccoli piaceri dell'ozio di T. Hodgkinson - D. Kieran


http://www.lafeltrinelli.it/static/images-1/m/108/2598108.jpg

Lasciare il tè in infusione

L'ozio forzato è un raro diletto. Quei brevi momenti della vita in cui, per un motivo o per l'altro, si è obbligati semplicemente a fermarsi e pensare. Nelle sale d'attesa, o per esempio in coda, o anche soltanto seduti in treno.
Aspettate che il tè maceri è uno di quei momenti. Non lascia abbastanza tempo per 'fare' qualcos'altro, e non c'è alternativa al sedersi e aspettare, la salivazione accelerata alla prospettiva della vostra dorata infusione. Se cercate di fare qualcosa in quel lasso di tempo, finite sempre per metterci troppo o troppo poco, e il tè risulta troppo aspro o troppo sciapo. La teiera ne è perfettamente consapevole. L'unico modo per misurare alla perfezione il tempo è restare seduti, immobili, e guardare. Solo dando la vostra piena attenzione alla teiera sarete in grado di goderne gli aromi, una volta giunto il momento.

Tom Hodgkinson- Dan Kieran - I piccoli piaceri dell'ozio - De Agostini

Nessun commento:

Posta un commento