lunedì 3 novembre 2008

I mangiatori di patate

Sguardi intensi, pieni di amore e di vita,
mistici movimenti, un momento,
una realtà che penetra nel cuore di un pittore,
e che riesce a trasmettere con tutto l'amore...

amore che si respira nell'aria,
vita semplice, anzi povera, ma dignitosa,
la vita risulta talmente semplice
da far provare vergogna per tutto ciò che abbiamo ora.

Calato nella realtà più profonda e sconvolgente,
ogni gesto è fatica, chi versa il tè tenendo lo
sguardo abbassato, amore donato con tanta dignità,
e chi si avvcina con la tazza come una mano sempre tesa
per ricevere tè e amore,
chi prende piccoli pezzi di patate con lo sguardo pieno di amore,
uno sguardo talmente intenso da far venire i brividi,
occhi curiosi, amorosi e attenti, mentre l'altro tiene
gli occhi abbassati quasi per pudore...
e anche nella persona di spalle si sente amore e dignità...

amore e dignità in un'interno così povero e semplice
che solo il colore marrone può esprimere e
che solo un grande pittore pieno di amore e dignità
può manifestare...un pittore che fotografa amore e dignità
nella povertà più pesante...
amore e dignità nella povertà assoluta
descritta da una persona che vive in pieno l'amore e la povertà...

povertà di vita... grandezza del cuore...

un grande cuore puro che incontra tanti cuori puri...

Nessun commento:

Posta un commento