sabato 23 agosto 2008

Vorresti vivere una vita

Vorresti vivere una vita dove nulla compremetta i tuoi pensieri,
nulla che cerchi di inserirsi nella tua mente,
mascherando libertà per sconvolgere una vita intera,
mai momento così complesso, così attaccato da tante cose inutili,
come se una barriera invisibile fosse crollata e il mondo
leggesse dentro il cuore le mille paure, le mille debolezze,
e con poca fatica attaccasse.
Come se qualcosa che proteggeva si fosse dissolto nell'aria
lasciando senza difesa l'animo umano.
Cos'era quella difesa che teneva lontano lo sguardo,
che rendeva invincibile il cuore, e nessuno
si permetteva di pensare qualcosa su di te?
Un tempo nessuno osava superare la barriera e dire cose.
Come se qualcuno leggesse nel volto una tua ricerca,
ricerca che non ha un nome o un perché, una ricerca personale,
e cercasse di inserirsi in questa tua ricerca
pensando di trovare un accesso creando assurdità e trocolli mentali,
mentre il cuore, la mente, l'anima hanno una loro strada,
una loro logica, non chiara, perà logica,
fatta di sogni, di piccoli ricordi di mare, di piccoli pensieri sereni e pacati,
e di parole che trovano collocazione in un piccolo foglio colorato di blu,
fantasia accecante e fiori sparsi nel cielo, equilibrio di vita.
Mentre la mente viene continuamente disturbata dal nulla,
che cerca di insinuarsi nel tuo mondo
inventato che vive nel cuore,
per far crescere piccoli pensieri, magari invadenti,
ma sempre colorati di blu.
Mentre l'invasione alla fine chiede, detta legge,
cerca in modo che tu non capisci,
perché comprendi solo un mondo fatto di sogni
e percorri un'unica strada di un mondo sbagliato.

Nessun commento:

Posta un commento