lunedì 25 agosto 2008

Rainer Maria Rilke

Noi non siamo che bocca. Chi canta il cuore lontano
che abita al centro delle cose, intatto?
In noi il suo grande battito è divis
in brevi battiti. E il suo gran dolore
come il suo grande giubilo, è per noi troppo grande.
Così, sempre più scissi,
noi non siamo che bocca. Ma improvviso, segreto,
irrompe in noi il gran battito del cuore,
ci strappa un urlo - e allora
siamo sostanza, volto e metamorfosi.

Rainer Maria Rilke

Nessun commento:

Posta un commento