domenica 24 agosto 2008

Rabindranath Tagore

La notte è quasi passata
attendendolo invano.
Temo che al mattino venga
alla mia porta all'improvviso,
quando, vinto dalla fatica,
mi sarò alfine addormentato.
Amici, lasciatelo entrare,
non sbarrategli la strada.

R. Tagore, Gitanjali XLVII

Nessun commento:

Posta un commento