domenica 31 agosto 2008

Gustavo Adolfo Béquer

La tua pupilla è azzurra, e quando ridi
mi ricorda il suo chiarore tenue
la tremula luce del mattino
che nel mare si riflette.

La tua pupilla è azzurra, e quando piangi
le trasparenti lacrime su di essa
mi rammentano gocce di rugiada
sopra una violetta.

La tua pupilla è azzurra, e se nel fondo,
come un punto di luce, s'irraggia un'idea,
mi sembre nel cielo della sera
una perduta stella.

Gustavo Adolfo Bécquer, Poesie d'amore

Nessun commento:

Posta un commento