lunedì 16 giugno 2008

Tulipani - Scuola di giardinaggio - ed. Longanesi & C.


http://monte.files.wordpress.com/2007/12/tulipani.jpg

"Molto probabilmente fu Ogier de Busbecq, ambasciatore in Turchia verso la metà del 1500, a inviare in Europa i primi semi e bulbi di tulipano, precisamente a Vienna, al famoso botanico Charles de l'Ecluse, che li piantò nei giardini imperiali. Questi fiori piacquero e, dopo pochi anni, i nobili viennesi cominciarono a commissionare ai commercianti veneziani, che avevano continui scambi con l'Oriente, bulbi di tulipano.
L'Ecluse ne inviò inoltre alcuni esemplari in Inghilterra, poi, quando nel 1593 si trasferì all'università di Leida, in Olanda, pare portasse con sé numerosi bulbi. Nel paese, da sempre amante dei fiori, e i cui minuscoli ma leggiadri giardini custodivano una notevole quantità di piante, anche esotiche, scoppiò una passione senza precedenti per il tulipano: forse la più grande tra le follie scatenatesi, per speculazione, attorno a un fiore. Nei primi decenni del 1600 la passione per questo fiore fece girare la testa a tutti; i prezzi dei bulbi salirono vertiginosamente ad enorme ed esclusivo vantaggio degli speculatori; i floricoltori prendevano in considerazione poche specie, cui davano nomi particolari, e si adoperavano a mantenere il pregio della rarità. In breve tempo molti raccolsero immense fortune, mentre stravaganti appassionati andavano in rovina: chi non poteva acquistare i bulbi desiderati con danaro contante, li cambiava con terre, palazzi e proprietà di ogni tipo, tanto che il governo olandese dovette infine intervenire per porre fine a queste assurde speculazioni. Pur ridimensionata la grande passione in Olanda, il tulipano rimase un fiore molto apprezzato e se ne continuò la coltura e il commercio, mentre la follia si spostò verso Oriente, proprio presso la corte turca, da dove questo fiore era stato inviato in Europa.
In Oriente infatti dove l'amore per i fiore era sempre stato molto vivo, soprattutto ad opera degli arabi, la coltivazione del tulipano risale a tempi assai remoti; iniziò forse in Persia, dove esso cresceva spontaneo ed era considerato emblema dell'incostanza e insieme dell'amore ardente; passò in Turchia, dove era tanto ammirato e apprezzato da figurare nello stemma degli Osmani, la casa regnante, e da essere riprodotto su stoffe, arazzi, ceramiche.
Sebbene i primi tulipani importati fossero già specie o ibridi di essi, praticamente non ne è rimasta alcuna traccia, poiché, come moltissimi altri fiori, anche il tulipano in coltura si è modificato attraverso numerose selezioni e incroci.
L'Olanda è sempre rimasta alla guida nella produzione mondiale, poiché lì il tulipano ha trovato clima e terreno particolarmente favorevoli al suo sviluppo.

dal libro Scuola di giardinaggio - Tulipani - ed. Longanesi & C.

Nessun commento:

Posta un commento