sabato 7 giugno 2008

Susanna Tamaro


foto da www.giovannicertoma.it

"Il disgelo arrivò verso la fine di marzo. Dappertutto, sul manto bianco che copriva i prati intorno, cominciarono a comparire chiazze di terra scura. A Eleonora ricordavano i maglioni di Ugo lisi sui gomiti; se la camicia sotto era scura facevano lo stesso effetto.
Dal tetto la neve, trasformata in acqua, correva allegramente giù per le grondaie. Le cinciallegre e i fringuelli montani, cessati i pigolii mesti dell'inverno, saltellavano sui rami e sui davanzali cantando con vigore."

Susanna Tamaro, Baita dei pini

Nessun commento:

Posta un commento