domenica 29 giugno 2008

Sant'Agostino


http://www.iconesacre.com/ENG/ic41.html

"E così tu mi respingevi e resistevi alla mia testa dura e vuota! Lavoravo di fantasia intorno a forme corporee; ero carne e accusavo la carne; ero un soffio che passa e non mi decidevo a ritornare a te, e andavo vagando tra cose che non esistono né in te né in me, né in alcun corpo materiale, e che non erano creature tue, ma frutto della mia vuotaggione che le immaginava corporee."

Sant'Agostino, Le confessioni

Nessun commento:

Posta un commento