domenica 15 giugno 2008

H. B. Stendhal


http://www.cervia.com/scuolefuoridise/Tagliata%202004/gabbiani.gif

"Guai allo studioso che non appartiene a nessun partito: gli saranno rinfacciati anche i successi più modesti e più incerti, e l'alta virtù trionferà derubandolo.
Eh, signore! un romanzo è uno specchio che vien fatto passare su una strada maestra: a momenti riflette ai vostri occhi l'azzurro del cielo, a momenti il fango delle pozzanghere della via. E l'uomo che porta sulle spalle lo specchio sarà per questo accusato di essere immorale? Accusate piuttosto la strada, dov'è il pantano, e tanto più pigliatevela con l'ispettore stradale, che lascia ristagnare l'acqua e formarsi i pantani."
.............
"Era in quello stato di stupore e d'inquieto turbamento in cui cade l'anima che ha appena ottenuto ciò che desiderava da gran tempo. E' l'abituata a desiderare, non trova più nulla da desiderare, e tuttavia non ha ancora dei ricordi."

H.B. Stendhal, Il rosso e il nero

Nessun commento:

Posta un commento