lunedì 30 giugno 2008

Della verità del cristianesimo di Sofia Swetchine


http://www.artigianarte-marinaro.com/images/madonnatenerezza.JPG

FORZA E DEBOLEZZA DELL'ANIMA
La calma perfetta è propria delle acque este e profonde. Appena cessata la causa estranea, regolare o no (come la marea o i venti), che le muove, ritornano in un'immobilità assoluta e solenne. Non così per il torrente: le sue onde biancheggianti, sollevate da un movimento costante e interno, talora si acquetano, ma senza mai raggiungere quel vero riposo che fa delle acque lo specchio dei cieli. Le anime profonde sono come il mare, e le anime deboli come il torrente. La debolezza dell'anima alimenta la sua perpetua agitazione; ristretta in limiti angusti, vede avvicendarsi il ribollimento delle passioni e le preoccupazioni superflue e meschine. Alle stesse cause rispondono senza posa gli stessi effetti, a meno che il torrente stretto e incassato non riesca ad aprirsi e a scavarsi un letto più largo, un solco più profondo. Allora il torrente diventa fiume; e, ritrovando migliori e più alti destini, spanderà i flutti generosi delle sue acque rigenerate.

dal libro Della verità del cristianesimo di Sofia Swetchine ed. Paoline

Nessun commento:

Posta un commento