mercoledì 7 maggio 2008

L'addio di J. Chiarenza - da www.giovannicertoma.it



Ti svegli la mattina e sai già che lo

dovrai abbandonare.

Arrivi e lo guardi negli occhi tra un po’ lo

dovrai lasciare.

Sai già che non lo rivedrai.

Non pensi a niente.

Trattieni le lacrime

e ti senti aprire.

Ma prima o poi da questa ferita bisogna

guarire.

Niente gioia, pieno di dolore

ma con un grande ringraziamento

nel cuore.

Pensi al passato...

Te lo ricordi un po’ felice e a volte

arrabbiato.

Le cose brutte erano tante

ma che con fatica ti facevano

diventare grande.

Eccolo il momento tutti attorno a lui.

Il cuore in mano

apre le mani e gli occhi e si ritrova

un regalo coi fiocchi

che ha un grande valore:

”L’amore”, l’Amore di tutti.

Poi però torni a casa e pensi

a Lui

e sai già che non lo dimenticherai

MAI!!!


di

Jacopo Chiarenza”


Al prof. Certomà che mi ha insegnato il valore della vita con gioia e fantasia.

Ad un prof. che non è soltanto un amico o un prof. ma anche compagno d’avventure”.”Grazie Jacopo!!!”
prof. Certomà

Jacopo Chiarenza - 3^ N

1 commento:

  1. Ciao, come và? Spero tutto bene per te. Buon lavoro. Un abbraccio e un buon settimana

    RispondiElimina