venerdì 30 maggio 2008

Giovanni XXIII Papa di rinnovamento


http://teleradiopadrepio.asernet.it/db/upload/2018/PapaGiovanniXXIIIparla.jpg

Nel pieno di conflitto mondiale continuano le azioni di monsignor Roncalli a favore della gente più bisognosa. Ogni giorno si reca alla mensa dei poveri per aiutare le suore a servire il pranzo. Nel 1942, ad Atene, riesce a far arrivare un carico di grano dall'Australia bloccato mentre centinaia di greci al giorno morivano di fame. Nel 1944, quando la Turchia rompe l'allenza con i paesi dell'Asse e tutti i cittadini tedeschi rischiano di essere internati. Roncalli sceglie di restare nel Paese, di non fuggire, per rimanere accanto ai più bisognosi. L'azione più eclatante e rischiosa compiuta in quel periodo dal sacerdote è l'intervento a favore di migliaia di ebrei slovacchi bloccati in Bulgaria e destinati ai campi di concentramento. Una lettera personale di Roncalli a re Boris e l'interessamento diretto del sovrano permettono a venticinquemila profughi di salvarsi in Turchia.

dal libro Giovanni XXIII Papa di rinnovamento ed. Mariotti Jubilaeum

Nessun commento:

Posta un commento