sabato 24 maggio 2008

Canonica -


http://www2.comune.roma.it/accacomune/Osservatorio/Foto/Museo%20canonica.jpg

A Roma, vicino a Piazza di Siena, a Villa Borghese, presso la fortezzuola (così chiamata per l'aspetto, ma nel '600 nota come "Gallinaro"), è stato allestito una casa-museo a lui dedicata e che porta il suo nome.La casa, ove lui visse fino alla morte, gli fu donata dal comune di Roma che ora gestisce il museo.
L'edificio fu rimaneggiato nel 1793 e colpito da un incendio nel 1919.
Nel 1926 fu donato al Canonica.

3. Canonica
Pietro Canonica (Moncalieri, 1 marzo 1869Roma, 8 giugno 1959) è stato uno scultore italiano, fu nominato Senatore a vita da Luigi Einaudi nel 1950.
A soli 17 anni vinse un premio per la sua statua intitolata "Novizia", divenendo famoso subito per la sua capacità di realizzare sculture molto realistiche.
Altre sue opere principali sono: "Lo scavatore", "Le comunicande" e la statua dedicata all'ultimo zar di tutte le Russie, quest'ultima distrutta durante la rivoluzione bolscevica del 1917-1918. La statua "Le comunicande" è estremamente realistica. Realizzò ed ideò anche dei mausolei e tombe monumentali ed artistiche.
Ebbe intenzione di realizzare il corredo staturario del Vittoriano, ma la sua entrata in politica gli impedì di ultimare l'opera. Le statue nella parte alta destra del monumento romano sono sue.
Produsse anche delle opera teatrali (suonava il pianoforte amatorialmente, strumento che è posto al primo piano della museo al termine del percorso museale) dal titolo "La sposa di Corinto" (Da uno scritto di Goethe), "Mirando" da "La tempesta" di Shakespeare, "Medea" tratto da uno scritto di Euripide e l'opera "Sacra Terra", l'unica non basata su opere preesistenti (opere in cui si dilettava a dare consigli sulla regia sui libretti da lui medesimo redatti), e scrisse un romanzo, opere conservate nello studio dell'artista; al centro della sala è posta l'ultima opera creata dallo scultore, il mausoleo al musicista napoletano Paisiello, insieme a tutti gli attrezzi usati per creare le opere conservate.
Opere principali
In Italia:
Sono quasi tutte site nel Museo Canonica.
In Russia:
Statua bronzea di Nicola II° Zar di tutte le Russie
Statua di Alessandro Scherementeff
Statua di Beatrice
Monumento a Nicola Nicolajevich (distrutto, una copia pare che è nel Museo Canonica a Roma)
In Inghilterra:
Statua della Regina Vittoria a Buckingham Palace
Varie statue e busti nel Vestibolo d'ingresso alla Osborne House nell'isola di Wight
Varie statue e busti nel Nottingham Worcksop e nel Welbeck Woodhouse
In Turchia:
2 Monumenti a Kemal Ataturk (delle loro copie paiono essere nel Museo Canonica a Roma)
Monumento a Faysal I dell'Iraq (distrutta), un'altra statua di Faysal I si trova in Iraq
Nella Città del Vaticano:
Monumento a San Giovanni Bosco (Un busto del santo si trova anche nel Museo Canonica a Roma) e monumento a Benedetto XV
In Colombia:
Statua di Simon Bolivar (una statua equestre del patriota sudamericano si trova anche nel Museo Canonica a Roma)
In Argentina:
Monumento funerario a josè Figueroa Alcorta.

Il Museo Canonica:
Nelle altre stanze sono conservare copie ed originali della produzione del Canonica.Pare che il comune dapprima avesse concesso all'artista la Casina di Raffaello posta nelle vicinaze dell'attuale museo, sempre a Villa Borghese. Ma poiché troppo piccola per ospitare le opere che man mano lo scultore realizzava e lasciava in giacenza prima di venderle, gli fu concessa in seguito la nuova sistemazione molto più grande.
Alla scomparsa dello scultore, la seconda moglie (che pare non dormisse col Canonica per non creare scandalo, essendo molto più giovane di lui) fece da guida al museo fino alla sua morte (1987).Dopo la morte della donna battaglie burocratiche durate una decina d'anni circa hanno permesso di rendere il museo da privato a comunale.
Nel pianterreno e nei piani ribassati vi sono 5-7 sale che espongono le opere di Pietro Canonica, nel piano rialzato vi è la sala degli ospiti e la sala di lavoro dell'artista piemontese.Nel piano superiore vi sono la Camera da letto, la camera da pranzo ed il salotto.

Nessun commento:

Posta un commento