mercoledì 23 aprile 2008

Quando tra la scura ombra di G. A. Bécquer


http://www.ilcannocchiale.it/blogs/bloggerarchimg/Gemelle_Glitter/nonsosegiff.gif

XXVIII

Quando tra la scura ombra
perduta una voce mormora
turbando la sua triste calma,
se nel fondo della mia anima
la sento dolce risuonare,
dimmi: - E' il vento che nei suoi giri
si lamenta, o sono i tuoi sospiri
che, quando passi, mi parlano d'amore?

Quando nella mia finestra il sole
al mattino rosseggiante splende,
e il mio amore evoca la tua ombra,
se nella mia bocca di un'altra bocca
sentir credo l'impressione,
dimmi: - Sono io che, cieco, deliro
o è un bacio che in un sospiro
mi invia il tuo cuore?

Se nel giorno luminoso
e nella fonda notte ombrosa;
se in tutto quanto circonda
l'anima che ti agogna
credo sentirti e vedere,
dimmi: - Sono io che tocco e respiro
sognando, o sei tu che in un sospiro
mi dai il tuo alito da bere?

dal libro Poesie d'amore di G. A. Bécquer - ed. Gr.Tasc.Econ.Newton

Nessun commento:

Posta un commento