mercoledì 16 aprile 2008

Devo varare la mia barca di R. Tagore


http://www.tiamo.org/images/diddl_foto_home.gif

XXI

Devo varare la mia barca.
Sulla riva languide trascorrono l'ore - ahimé!

Primavera ha sbocciato i suoi fiori
e ha preso commiato.
E ora attendo col mio vano
carico di fiori appassit.

Le onde si son fatte rumorose
e sulla riva, nell'ombroso sentiero,
le foglie gialle tremano e cadono.

In quale vuoto fissi lo sguardo?
Non senti un fremito passare
nell'aria, con le note d'un canto
che lontano si leva
dall'altra riva?

dal libro Poesie - Tagore - ed. g.tasc.econ. Newton

Nessun commento:

Posta un commento