lunedì 21 aprile 2008

8^ Manuale delle giovani marmotte


http://www.letturegiovani.it/Grimm/biancaneve.jpg

Batata sarà lei!

In vaso, un grosso vaso stavolta, è possibile coltivare anche la patata, tenendo presente che teme le gelate e che sarà meglio seminarla in primavera e raccoglierla alla fine dell'estate ooppure all'inizio dell'autunno.
Basterà posare, su uno strato di terra steso sul fondo del vaso, un tubero ben germogliato o un pezzo di tubero, coprire di terra e concimare. La patata provvederà al resto: crescerà e darà un mazzetto delizioso di fiori bianchi, ma a volte anche rosa o porpora.
Quando i fiori cominciano ad avvizzire, è il momento di raccogliere le patatine novelle. La patata è una solanacea, appartiene cioè alla stessa famiglia di pomodori, peperoni e melanzane.
La batata, detta anche patata dolce o patata americana, benché venga dagli stessi luoghi della patata, è invece una convolvulacea, parente stretta di quel bellissimo fiore rosa, detto convolvolo o campanello, che si arrampica sui muri e si insinua tra le siepi.
E' più dolce e nutriente delle patare e si mangia fritta in bastoncini, lessata e insaporita con burro e capperi; ridotta in purea, la si mescola con la farina per fare un'insolita torta di mele. Noi però ti consigliamo di usarla come pianta ornamentale: immergi un tubero in un vaso di vetro colmo d'acqua e, in poco tempo, un raffinato rampicante allieterà la tua stanza.

dal 8^ Manuale delle giovani marmotte - ed. Disney

Nessun commento:

Posta un commento