venerdì 14 marzo 2008

Concentrarsi come il tuono al proprio limite di E. Dickinson


http://giorniacolori.files.wordpress.com/2007/07/mare.jpg

1247

Concentrarsi come il tuono al proprio limite
e poi sgretolare con sfarzo e fragore
mentre ogni cosa creata cerca rifugio
questo - sarebbe poesia -

O amore - che i due vengono insieme -
nessuno o entrambi conosciamo -
proviamo o consumiamo -
perché nessuno vede Dio e poi vive:.

(1873)

dal libro Silenzi di E. Dickinson pag.161 - ed. Universale Economica Feltrinelli

Nessun commento:

Posta un commento