domenica 9 marzo 2008

Al margine della notte di R. M. Rilke


http://data1.blog.de/blog/r/reira81/img/CIELO-005-MOD_01.jpg

La mia stanza e questa vastità,
desta sul paesaggio che annotta, -
sono una cosa sola. Io sono una corda
tesa sopra il brusio
di vaste risonanze.

Le cose sono corpo di violino,
piene d'oscuro mùrmure;
dentro si agita nel sonno il cruccio
di intere generazioni...
Se da me un fremito
argenteo nasca: allora
sotto di me tutto vivrà
e ciò che errando va nelle cose
si tenderà alla luce
che dalla mia musica danzante
intorno a cui fa onda il cielo,
per fori avidi, sottili,
negli antichi
abissi senza
fine precipita..

da Il libro delle immagini di R. M. Rilke

Nessun commento:

Posta un commento