sabato 23 febbraio 2008

In un vecchio libro di K. Kavafis


http://www.villasantostefano.com/news/2007/grotte/ingresso_grotta_ausi.jpg

In un vecchio libro - quasi di cento anni -
dimenticato tra le pagine
ho trovato un acquarello senza firma.
Certo opera di un grande artista.
"Epifania d'Amore" era il suo titolo.

Era più esatto dire "d'amore di raffinata sensualità".

Perché era evidente, guardando l'opera
(agevolmente si capiva l'intento dell'artista)
che non per quelli che praticano amori sani,
rimanendo nei limiti del lecito,
non per quelli era disegnato l'efebo
della pittura - con i suoi profondi occhi castani,
con la squisita bellezza del suo volto,
con la bellezza delle attrazioni innaturali:
con le sue labbra di sogno che recano
il piacere al corpo amato:
con il suo corpo pieno di grazia ideale creato per
quei letti che la morale corrente definisce impudenti.

dal libro Poesie d'amore di Kostandinos Kavafis

Nessun commento:

Posta un commento