domenica 10 febbraio 2008

Era di maggio. Il pomeriggio afoso di Rabindranath Tagore

Era di maggio. Il pomeriggio afoso
sembrava interminabile. La terra riarsa
si spaccava nel gran caldo, assetata.
Dalla riva del fiume udii una voce
che gridava: "Vieni, tesoro mio":
Chiusi il mio libro e aprii la finestra
per guardare fuori,
Vidi presso il fiume un grande bufalo, coperto di fango,
che guardava in giro con occhi placidi e pazienti:
un ragazzo, nell'acqua fino al ginocchio, lo chiamava
per farlo bagnare.
Sorrisi compiacente ed ebbi un senso di dolcezza,
che m'invase il cuore.

dal libro Poesie di R. Tagore

Nessun commento:

Posta un commento