domenica 13 gennaio 2008

Mano tesa e ascolto forever...di Giovanni Certomà


http://jova.ilcannocchiale.it/blogs/bloggerarchimg/Jova/DIDDL.jpg

Il suo comunicare
fatto di parole scritte
in maniera alternativa
sembra una mano
sempre tesa...

Ciò che ha dentro
per me è molto
visibile con gli
occhi delle sensazioni”a pelle”.

E’ una rarità difficilmente
riproducibile
con parole che sono
solo ”povere”, incomplete,
limitate, inespresse.

Una rarità che solo
con l’intuizione impalpabile
”a pelle”possiamo avvertire.

www.giovannicertoma.it - 21/1/2006 - ore 0:08

Nessun commento:

Posta un commento