lunedì 14 gennaio 2008

L'amore non fa per me di Federica Bosco


http://www.libreriauniversitaria.it/data/images/BIT/843/9788854108431g.jpg

Sono dieci giorni che non ci parliamo.
Domani sera c'è la presentazione e io sono nel panico più totale. Mi rigiro Il respiro del tempo fra le mani e non mi sembra pià neanche mio.
Nessuno che mi aiuta, nessuno che mi prepara, che mi sostiene.
Dovrebbe essere uno dei momenti più belli della mia vita, invece vorrei sparire.
Siamo separati in casa, ci parliamo a monosillabi, mangiamo nel totale silenzio e dormiano in camere separate. Non so quanto durerà questa situazione, ho provato a parlargli, ma lui dice di essere troppo irritato, di non essere lucido e che deve sbollire la rabbia.
Non riesco neanche a farlo ridere.
L'unica che ci fa da tramite è Morag che è sinceramente dispiaciuta. La chiamo tutti i giorni e lei mi aggiorna sui suoi tentativi di farlo ragionare.
Siobhan invece dice che sono una stupida perché mi faccio calpestare, ma non capisce. Anche questo fa parte dell'amore, lui sta soffrendo e io l'ho deluso, devo recuperare la sua fiducia ed è normale che io stia in Purgatorio adesso.
Però sono triste. Chiamo Morag.
"Buongiorno Monica, come ti senti?"
"Insomma sono tesa per la presentazione".
"Io sarò in prima fila a sostenerti, non ti preoccupare".
"E Ed? Dici che verrà?"
"Tesoro...gliel'ho chiesto anche stamattina, il fatto è che...lui...non va mai alle presentazioni, lo fa per principio, non mi chiedere perché".
"Ma la mia è una cosa speciale no?", mi salgono le lacrime.
"Gliel'ho detto Monica, devi credermi, ci ho quasi litigato, lui mi ha risposto che non mi devo impicciare e basta. Gli ho detto che mi ha deluso, ma lui non mi ha nemmeno risposto".
"Ma secondo te cosa devo fare?"
"Concentrati sul libro. Andrà bene, io sarà lì, Ian è bravo. Stai tranquilla, lo so che non è la stessa cosa, ma questo è il tuo momento, non fartelo rovinare dai suoi capricci".
"Non ho scelta".
Stasera devo andare al Fan Club delle ragazze per "l'investitura ufficiale", spero di non dovermi vestire di rosa.
In redazione sono tesa come un aquilone di legno, Niall e Siobhan mi prendono in giro.
"Vuoi un massaggio?"
"Una camomilla?"
"Fiori di Bach, li do anche ai gatti quando sono in calore".
Li guardo con la fronte aggrottata, ma sono così nervosa che non ho neanche la prontezza di replicare.
Mr Angus passa davanti alla mia scrivania e guardando per terra mi dice: "Allr' buon'fortun' "
"Grazie Mr Angus".
Dal giorno del telefonino sembra invecchiato di vent'anni.
Niall incalza: "Ma uno scrittore famoso come te non dovrebbe farsi un'assicurazione sulle mani?"
"E non hai bisogno di un'assistente personale? Una che ti porta la tua acqua preferita e il tuo cane a spasso?"
E incredibile, non riesco a ribattere, il terrore mi blocca. Oddio come farò, mi sento in un universo parallelo.

dal libro L'amore non fa per me di Federica Bosco

Nessun commento:

Posta un commento