giovedì 17 gennaio 2008

Compassione ti chiedo - e pietà - e amore - sì, amore di John Keats


http://digilander.libero.it/iono1/pagine%20immagini/tutto%20glitter/immagini%20&%20glitter/43cb13dfrt8.gif


Compassione ti chiedo - e pietà - e amore - sì, amore,
Un amore misericordioso che strazio soltanto non sia,
Costante, innocente, con un pensiero solo dominante,
Senza veli o maschere, che anche nudo sia puro!
Tutta, tutta, lasciami averti - mia!
La tua forma e la tua bellezza, quel veleno dolce
D'amore, il tuo bacio, e le mani, e gli occhi divini,
Il seno caldo, bianco, luminoso, capace di mille piaceri -
Te stessa - la tua anima - per pietà, tutta lasciami averti,
E non tenerti un atomo solo - o morirò -
Se vivessi sarebbe come un servo miserabile,
Dimentico, tra tanta inutile infelicità,
Ch'abbia un senso la vita - il palato della mente
Perdendo il suo gusto, la mia ambizione la vista.

dal libro Poesie di John Keats

Nessun commento:

Posta un commento