martedì 26 giugno 2018

Settembre poesia di Hughes


 SETTEMBRE poesia di HUGHES 


C'è un altro fiume. In questo fiume 
le cui mani di nonna nodose di terra, addolcite,
mi accolgono con tremiti, mi danno l'antica sensazione
di una realtà che rassicura -
c'è una nostalgia strana. Il fiore della balsamina
che pende mollemente accanto allo sguardo imbronciato,
dita elettriche che scostano la tenda di una porta
da dove si scuote fuori una musica fumosa.
 
















sabato 28 aprile 2018

Se la neve poesia di CARLA COLOMBO





Se la neve fosse solo un addio
non ruberei al bianco candore
il grigio sfumato per l'ultimo saluto
e non guarderei i rami spogli
in attesa del piccolo germoglio.

Se la neve fosse solo un addio
non coglierei l'ultimo fiocco
adagiato sul campo arido di sogni
e lo spuntare del tenero filo d'erba
preludio di un risveglio di primavera.

Se la neve fosse solo un addio
cercherei col primo chiaror dell'alba
il sussulto del tuo cuore
ed il calore del tuo abbraccio
per correre, insieme, incontro al sole.


Poesia bellissima di CARLA COLOMBO, dal suo libro Ogni giorno è un nuovo sole,
penso che Carla sappia trasmettere emozioni e intensità. Mi piace molto il finale di questa poesia

' cercherei col primo chiaror dell'alba

il sussulto del tuo cuore
ed il calore del tuo abbraccio
per correre, insieme, incontro al sole.'
queste parole esprimono l'intensità del sentimento, io lo penso sentimento d'amore e di speranza.
Trasmette luce e amore. 
ciao Carla.

venerdì 27 aprile 2018

RIFLESSI NELL'ACQUA DI EUGENIO MONTALE



RIFLESSI NELL'ACQUA DI EUGENIO MONTALE

Il consumo non può per necessità
obliterare la nostra pelle.
Sopprimento la quale... ma qui il monologante
si specchiò nel ruscello. Vi si vedeva
una sua emanazione ma disarticolata
e sbilenca che poi sparve addirittura.
Un nella se n'è andato ch'era anche parte
di me, disse: la fine può procedere
a passo di lumaca. E pensò ad altro.

giovedì 26 aprile 2018

Un gesto di pace - un pensiero


Cielo sorridi
alle nuvole,
che si rincorrono
felici
e ti lasciano
una scritta
leggera
e delicata.
Cielo sorridi
al vento,
e ogni sospiro
diventa
un gesto
di pace.

VIAGGIO DI UN POETA - DIK DIK - TESTO




Viaggio di un poeta - DIK DIK

Lasciò il suo paese all'età di vent'anni
con in tasca due soldi e niente di più
aveva una donna che amava da anni
lasciò anche lei per qualcosa di più

Promise a se stesso di non ritornare
al vecchio paese della sua gioventù
dove nessuno voleva sognare
i campi d'arare e niente di più

Cominciò così a fare il vagabondo
girando paesi e città
cercando fortuna in quartieri del mondo
dimenticando la sua povertà

Un giorno in casa di un grande poeta
trovò dei ragazzi che parlavan di pace
di colpo capì che era quella la meta
che aveva raggiunto per esser felice

Ritornò così a fare il vagabondo
girando paesi e città
voleva portare l'amore nel mondo
ma pensò al paese di molti anni fa

Senza un soldo in tasca tornò ancora verso casa
aveva capito cosa conta di più
davanti alla sua porta c'era lei che lo aspettava
tutto come prima non chiedeva di più

MARIA LUISA SPAZIANI - La traversata dell'oasi

MARIA LUISA SPAZIANI - 

Poesie da La traversata dell'oasi



Ibernati, incoscienti, inesistenti,
proveniamo da infiniti deserti.
Fra poco altri infiniti ci apriranno
ali voraci per l’eternità.
Ma qui ora c’è l’oasi, catena
di delizie e tormenti. Le stagioni
colorate ci avvolgono, le mani
amate ci accarezzano.
Un punto infinitesimo nel vortice
che cieco ci avviluppa. C’è la musica
(altrove sconosciuta), c’è il miracolo
della rosa che sboccia, e c’è il mio cuore.

(Torino 1924)



Entro in questo amore come in una cattedrale,
come in un ventre oscuro di balena.
Mi risucchia un’eco di mare, e dalle grandi volte
scende un corale antico che è fuso alla mia voce.
Tu, scelto a caso dalla sorte, ora sei l’unico,
il padre, il figlio, l’angelo e il demonio.
Mi immergo a fondo in te, il più essenziale abbraccio,
e le tue labbra restano evanescenti sogni.
Prima di entrare nella grande navata,
vivevo lieta, ero contenta di poco.
Ma il tuo fascio di luce, come un’immensa spada,
relega nel nulla tutto quanto non sei.


Ecco lo spazio magico in cui niente si è detto
ma il senso affiora da nebbie di preistoria.
Dormiamo in case lontane chilometri
ma i nostri sogni si congiungono in alto.
E’ così perfetta l’attesa (o l’intesa)
che sarà peccato trasformarla in parole.
Dovremmo preferire alla vita il silenzio
anche se questo silenzio è quintessenza della vita?




Sarebbe, il mondo, un fresco castagneto
se tutto mi guardasse coi tuoi occhi.
Marroni, intensi,laghetti dorati
ai raggi dolcemente declinanti.
Così gli occhi degli angeli, castagne
che hanno perso il riccio. Il Paradiso
è quella svestizione, ogni segreto
è arrivare al cuore.


mercoledì 25 aprile 2018

Fiorellini pensierino

Fiorellini
cresciuti
in montagna
siete colorati
e pieni 
di gioia,
con l'esplosione
del cuore,
rendete
l'aria
e la natura
più bella.
Fiorellini.